Italiano

Proteste e incontri 28 e 29 settembre a Nancy

Fine aprile, vi informavamo del rinvio di Vent de Bure dopo avere preso in considerazione le osservazione dei comitati di sostengo. GRAZIE per averci trasmesso le vostre riflessioni e propositi: spostare una data non è mai stata una decisione facile da prendere, pero’ è stato più semplice dal momento che rispondeva alle vostre domande, da voi che organizzate la decentralizzazione della lotta contro il progetto Cigéo. Organizzare i tempi importanti insieme e permettere a ogni di venire era necessario.

Il contesto non è cambiato (1) e ciò che è stato detto rimane il motore di Vent de Bure.

Il tempo fugge. Le scadenze arrivano (2). I lavori preparatori sono stati sospesi durante il dibattito pubblico sul Piano nazionale di gestione delle materie e dei rifiuti radioattivi (PNGMDR). Questo significa che potrebbero riprendere alla fine di questa moratoria… che si termina il 25 settembre con la fine di questo dibatto ! Abbiamo fatto la scelta a livello locale di non accettare la partecipazione di alcune ONG: il trucco democratico, le riparazione tecniche pasticciate, abbiamo dato abbastanza. Per rifiutare il seppellimento dei rifiuti nucleari, il dialogo orchestrato e la pseudo-concentrazione, i prossimi colpi di pale e picconi (o piuttosto di bulldozer !), ritroviamoci da sabato 28 settembre nelle vie di Nancy!

Concorda tutto, tutti venti son orientati su fine settembre, mettiamo tutto in opera per contribuire a che non dimenticano di prendere nessuno :

– durante l’estate, distribuite stampe e volantini sui festival, proteste, incontri di tutti tipi ! Sventolate le vostre bandiere VENT DE BURE ! Tutto si può scaricare qua, e possiamo anche inviarvene!

– per permettere a più persone di venire, non c’è di meglio che i bus; vi incoraggiamo cosi’ ad organizzarne : sopratutto ditecelo, che metteremo le partenze poco a poco su questa pagina!

Primi elementi del programma :

– SABATO 28 SETTEMBRE, il momento culminante : mobilizzazione a Nancy, ci ritroviamo Cour Leopold ! La sera, convergenza nelle altitudini di Nancy a Vandoeuvre per dei concerti e un banchetto! Ovviamente, potrete mettere la vostra tenda !

– DOMENICA 29 SETTEMBRE : si sta programmando a fin che non ci separiamo cosi! Tutte le idee sono benvenute : se avete dei desideri o delle suggestioni per rendere la mobilizzazione più bella, scriveteci !

Per altre domande, informazione, proposte :

– la mail rimane : ventdebure@riseup.net
– il numero di telefono rimane : (+33) 6 50 69 72 61

Vediamo Vent de Bure come qualcosa che mobiliterà il seguito, necessaria per affrontare il seguito, l’espressione della nostra gioia a ritrovarsi : non manchiamola!

La squadra di Vent de Bure

(1) Nel 2018 e nel 2019, abbiamo fatto l’esperienza di una repressione tenace e metodica da parte delle autorità, che aveva per obiettivo distruggere tutte le forme di contestazione. Sul territorio, i nostri spazi sono stati militarizzati. Siamo già state-i private-i dei nostri luoghi di vita, sgomberate-i dal Bois Lejuc, visitate-i illegalmente parecchie volte nella Maison de la Résistance dalle forze dell’ordine che interferiscono nel poco di intimità che ci resta. I nostri gesti e parole sono state criminalizzate. Le nostre amicizie, la nostra determinazione a lottare contra il più grosso progetto industriale europeo sono state tradotte giudizialmente da una istruzione come “associazione di malfattori”. Battaglia dopo battaglia abbiamo dovuto far fronte sul terreno, nelle nostre idee come nei nostri cuori, a una strategia di affaticamento e di divisione. Nonostante ciò, non smettiamo di combattere. Primo, rimanendo solidari e lucide-i fronte ai perseguimenti giudiziari utilizzati contro di noi : se lottare contro un progetto di seppellimento di rifiuti radioattivi impostati da 25 anni mentre tutti i segnali sono al rosso fa di noi delle-i malfattrici-tori, allora SI : siamo tutte-i delle-i malfattrici-tori! Poi, mostrando chi si nasconde dietro le maschere delle-i malfattrici-tore che ci hanno infilato di forza : da fine 2018 perseguendo il lavoro con il nostro ciclo di conferenze in tutto il Grande-Est, rinforzando i nostri legami e creando dei nuovi con l’Atomik Tour (Giro Atomico) da per tutto in Francia. In agosto, facendo la festa alle Bure’lesques intorno a teatri, progettazione e conferenze. Diciamocelo, è necessario fare una dimostrazione : la nostra motivazione non è sparita, la nostra determinazione non si è persa. Al contrario. 2019 è un anno storico che ricorda quando siamo delle-i attrice-attore della nostra storia.

(2) Se la lotta contra Cigéo era complicata questi ultimi mesi, è anche perché l’anno 2019 è per il progetto una fase amministrativa, un anno “bianco”. Ma nonostante i difetti scientifici, finanziari, etici, sociali, ambientali, la macchina va avanti in maniera pericolosa. La dichiarazione di utilità pubblica (DUP) potrebbe essere depositata durante la fine del 2019, la dichiarazione di autorizzazione di creazione (DAC) nel 2020.

(3) Sul terreno, i lavori di grandissima scala (alimentazione in acqua, collegamento elettrico, ferroviari e stradali…) modificheranno il territorio affinché sia tutto pronto per la costruzione del centro, nel momento in cui dovesse essere autorizzato. Se tutti questi lavori saranno realizzati, non ci saranno dubbi che lo sarà. Per noi, questi lavori detti “preparatori” non son nient’altro che l’autorizzazione nascosta della costruzione del centro.